La Primavera delle Arti

 

Il festival «Printemps des Arts de Monte-Carlo» è stato fondato nel 1984 sotto l’impulso di S.A.S la Principessa Grace e di Antoine Battaini, all’epoca Direttore delle Attività Culturali del Principato. Ogni anno, tra marzo e aprile e nel corso di cinque week-end, Monte-Carlo ospita performance artistiche straordinarie. 

 

 printemps-des-arts-monte-carloUn’avventura artistica e culturale

 

 

Sin dal 1984 il festival Printemps des Arts, sotto la presidenza di S.A.R la Principessa di Hannover, immerge Monaco nell’effervescenza ribollente e creativa dell’universo artistico.

 

Nei primi anni s’era scelto di dedicare la massima attenzione a solisti di gran fama, come Daniel Barenboïm, Ruggera Raimondi, Lleana Cotrubas e molti altri interpreti leggendari. Dal 1987 la Primavera delle Arti ha preso a introdurre nel suo cartellone opere barocche più o meno inedite, aprendosi anche alle arti plastiche. In tal modo il Principato ha potuto rendere omaggio ad artisti come Botero e Marisa Del Re. Nel 1992, Rainier Rocchi, nuovo Direttore delle Attività Culturali, ha voluto modernizzare la manifestazione, in particolare integrando nella programmazione la musica jazz.

 

 

 Printemps-des-arts-Salle-GarnierUn matrimonio ben riuscito tra classico e moderno

 

 

Nel 2003 il musicista e compositore Marc Monnet ha assunto la direzione del festival, infondendo nuovo slancio all’evento. È così che musica classica e contemporanea si sono ritrovate fianco a fianco. Un’iniziativa che ha subito affascinato il pubblico, contribuendo notevolmente a consolidare la notorietà della Primavera delle Arti.
Ogni anno sono stati proposti nuovi programmi, sempre diversi. Monaco ha così assistito al succedersi di edizioni dai titoli esemplificativi, come « Nouvelles Aventures », « Découvertes Insolites » o « Voyages des Imaginaires ». Definizioni poetiche ed evocatrici, per una serie di festival che non hanno certo deluso le aspettative del pubblico, con gli immancabili omaggi ai grandi classici e la scoperta di artisti contemporanei. 

 

Sale da spettacolo mitiche

 

Tanto il successo del festival quanto le performance eccezionali che lo caratterizzano devono sicuramente molto alle leggendarie sale che ospitano la Primavera delle Arti. Ogni hanno il pubblico può scoprire artisti di talento in scenari straordinari. La Salle Empire dell’Hôtel de Paris Monte-Carlo, la Salle Garnier situata nell’Opéra de Monte-Carlo, la Salle des Etoiles dello Sporting Monte-Carlo… Senza dimenticare il Museo Oceanografico, l’Auditorium Rainier III, la Galerie Marlborough o il Théâtre des Variétés, che accolgono anch’esse ogni anno i più grandi artisti e fanno da cornice a prestazioni d’eccezione.