Lavori in corso ai Jardins des Boulingrins!

 
 

Un progetto ambientale unico, per mantenere intatto il patrimonio monegasco dei Jardins des Boulingrins.

 

Jardins des Boulingrins Monaco

 

Un progetto ambientale

In virtù del progetto che prevede il trasferimento provvisorio delle boutique dell’Hôtel de Paris e dello Sporting d’Hiver nei Jardins de Boulingrins, così da consentire la realizzazione del nuovo complesso residenziale, la Société des Bains de Mer ha voluto lanciarsi in un progetto botanico esotico ed esuberante, con più alberi, più specie e veri e propri esemplari da collezione (palme, arbusti e specie tropicali).
 

Nel corso della costruzione delle boutique effimere, una parte degli alberi ospitati nei giardini dovrà essere trasferita. Ciò non riguarda però le specie della porzione definita «Petite Afrique».

Una cinquantina di esemplari saranno trapiantati in vivaio, per poi far definitivamente ritorno negli stessi giardini, a lavori terminati.

 

Con tale progetto s’intende garantire la tutela dell’ambiente, nonché la conservazione del patrimonio arboreo di questo spazio, un prezioso angolo di natura nel cuore stesso di Monte-Carlo.

 

 

Le operazioni di trapianto

Al fine di scegliere la società che si occuperà dei lavori, è stata lanciata una gara d’appalto, in cui, tra i diversi criteri di valutazione, la priorità assoluta è stata attribuita proprio allo spostamento degli alberi, per cui devono essere garantite le condizioni ideali. L’impresa incaricata dei lavori dovrà inoltre adeguarsi ai regolamenti monegaschi, e in particolare alla carta verde della DAU (Direction de l’Aménagement Urbain).
 

A seconda delle specie, i trapianti saranno effettuati in terreno caldo, a fine primavera, o in terreno freddo, nel mese di settembre, onde evitare particolare stress all’apparato radicale. I primi trapianti, come per esempio quelli delle palme, avranno inizio il 14 giugno, e dureranno 6 settimane.
 

Tutti gli esemplari di grandi dimensioni saranno trasportati in tre diverse sedi di stoccaggio dell’SBM: la prima si trova nelle vicinanze del New Beach, su un terreno a bordo strada, vicino al mare; la seconda è il vivaio de la Vigie, vicino al Monte Carlo Beach, il terzo sito, chiamato «Fondivine» è situato sulla moyenne corniche. Durante il trasporto dei vegetali fino alla sede di destinazione, verranno prese tutte le precauzioni possibili per proteggere tronchi e rami, attraverso l’impiego di teli di iuta o altro materiale.
 

Gli esemplari depositati in vivaio, che non potranno tornare alla loro sede nel corso dell’apertura al pubblico delle boutique temporanee, saranno conservate in appositi contenitori, fino al momento del loro ritorno ai giardini. Le cure necessarie, (innaffio, trattamenti fitosanitari, eccetera) saranno garantite dai giardinieri dell’SBM per tutto il tempo necessario. Già dai primi di giugno, prima del trapianto, gli alberi sono stati preparati, potati a regola d’arte, con eliminazione dei rami malati, rotti o secchi. Successivamente è stato stilato un rapporto preciso, consegnato all’amministrazione statale.

 

Jardins des Boulingrins MonacoManutenzione e cura

La maggior parte degli esemplari, e in particolari l’enorme Chorisia speciosa, rimarranno al loro posto, nella parte superiore dei Jardins des Boulingrins.
 

Nel corso dei lavori, tutti gli alberi mantenuti in sede saranno sottoposti a un monitoraggio specifico. L’architetto paesaggista Jean Mus, responsabile del progetto globale, assicurerà che gli esemplari siano conservati nelle migliori condizioni. Le imprese di costruzione riceveranno istruzioni dettagliate circa le distanze minime tra gli scavi e il tronco, e se necessario si farà ricorso a contenitori provvisori, o a tecniche di protezione dell’apparato radicale, dei rami e del tronco.
 

Tutte le piante saranno collegate a una rete d’irrigazione automatica, adattata in funzione delle loro specifiche esigenze e della manutenzione degli spazi verdi. Per cespugli, boschetti e alberi è prevista l’irrigazione goccia a goccia, mentre per i prati si tratterà di microaspersione.
 

Jean Mus, celebra architetto paesaggista, è stato scelto per la sua conoscenza perfetta del territorio mediterraneo, per il suo savoir-faire ancestrale, nonché per la sua concezione degli spazi verdi nel pieno rispetto dell’ambiente e della memoria dei luoghi. Sono ormai trent’anni che Jean Mus progetta, immagina e reinventa giardini. È l’erede dei grandi paesaggisti che, nel secolo scorso, hanno infuso nuova linfa vitale ai giardini della Costa Azzurra e della Riviera. Da notare che il Monte-Carlo Bay Hotel & Resort e lo studio di Jean Mus hanno ricevuto Victoire d’Argent du Paysage nel 2010.